mercoledì 18 gennaio 2017

Le feste son passate, carrellata dei vini assaggiati

Ormai le feste sono alle spalle, e le settimane da Natale alla befana sono sempre occasione per degustare in compagnia di amici e parenti nuove bottiglie. Premetto che i miei parenti non sono degli appassionati di vino come il sottoscritto anche se apprezzano sempre il buon bere. Pertanto al pranzo di Natale si bevono sempre vini base, in maggioranza Valtellina e bottiglie che non superino mai il prezzo di 20 €.

PROMOSSI CON LODE


Sassella Valtellina Superiore Grisone 2013

Naso elegante ed intenso. Note balsamiche d'incenso si sposano perfettamente con i sentori di frutta rossa. Un bellissimo naso vista la giovane età e che può ulteriormente migliorare. In bocca troviamo le stesse sensazioni, con un bel finale. Tannino e persistenza sentono ancora la giovinezza, ma questo in prospettiva è destinato ad essere davvero un gran vino. Il miglior Valtellina 2013 assaggiato al momento, da comprare e tenere ma buonissimo anche così giovane! 

VOTO 8


Rimauresq Côtes de Provence Cru Classé Rosé 2015

Naso davvero fine ed elegante. Escono subito note mandorlate e floreali davvero piacevoli. In bocca ritroviamo le stesse sensazioni, unica cosa un'acidità non ancora equilibrata e troppo forte, ma si vede che la stoffa c'è. Un anno in più di bottiglia ed uscirà alla grande ne sono sicuro!

VOTO 7,5


 Monsupello Metodo Classico Rosé

Naso davvero intrigante. Pulito, fine ed elegante con sentori di crosta di pane appena accennati.in bocca entra deciso, armonia allo stato puro! Acidità precisa e bilanciata, bella mineralità ed ottima persistenza. Bellissimo retrogusto con nota mandorlata con un pizzico di incenso! Che dire per me il miglior metodo classico rosè italiano bevuto al momento! Ed ottimo rapporto qualità prezzo! L'oltrepó pavese ha davvero grandi potenzialità, facciamo il tifo per voi!

VOTO 9


 Massolino Moscato d'Asti 2015

Il moscato di tutte le mie feste natalizie! Naso davvero elegante ed equilibrato, con le note aromatiche che non escono in maniera esagerata. In bocca equilibrio perfetto, beva perfetta e mai stucchevole. Uno dei moscati più buoni assaggiati e che piacciono a tutti, anche ai neofiti del vino!

VOTO 7,5


Aquila del Torre Friulano 2012

Naso pulito ed elegante, molto intrigante e che invita a "snasare" a più riprese nel corso del pranzo. In bocca armonia perfetta, mineralità ed acidità perfette, finale persistente e retrogusto mandorlato che mi fa andare in estasi. Bella azienda che lavora bene su tutti i suoi prodotti, bel friulano da tutto pasto!

VOTO 8

SUFFICIENZA PIENA


La Castellina Sassella Le Barbarine Riserva Valtellina Superiore 2012

Il naso è pulito ma non troppo intenso, però si sente che la stoffa c'è! In bocca esce meglio, tannino acerbo ma sta ancora camminando verso la sua strada! Si può già bere adesso, però è meglio aspettare almeno un paio d'anni per goderselo al meglio!

VOTO 6+


Valli Unite Derthona 2014

Naso bello intenso, pulito e senza difetti. In bocca invece sorprende, un bianco davvero strutturato che si fa apprezzare tantissimo! Acidità bilanciata, mineralità e finale persistente e piacevolissimo! Ottimo retrogusto, un bianco da tutto pasto piacevolissimo a chi non piacciono i vini scontati! Rapporto qualità prezzo pazzesco!

VOTO 7



Château Menate Sauternes 2013

Naso intrigante nonostante la giovane età! Bei sentori floreali, incenso soprattutto che mi piacciono sempre! In bocca è piacevole. Non è ancora equilibratissimo, la nota dolce è forse troppo forte ma si fa bere davvero con piacere. Interessante il finale molto mielato, rapporto qualità prezzo eccellente per un vino apprezzato da tutti!

VOTO 6,5

BOCCIATI


Dosaggio Zero Franciacorta Andrea Arici

Sboccatura 2015. Il naso è pulito, fine ma poco intenso e non invita a "snasare" successivamente il bicchiere. In bocca ha una bella entrata, ma dopo delude un po' le aspettative con la nota acida troppo preponderante. Potrebbe essere figlio dell'annata che non è stato il massimo, però da un azienda come questa si aspetta sempre il massimo è qui siamo sotto la sufficienza. Doveva essere la protagonista del pranzo di Natale, visto che era una magnum.


VOTO 5